Vincere scommesse sul calcio: come nasce un algoritmo?

Vincere scommesse sul calcio: come nasce un algortimo?

Te lo sei mai chiesto?

E’ una domanda che personalmente mi sono posto spesso in passato, quando ancora non mi dedicavo al betting per lavoro.

Oggi, visto che è diventato la mia attività, ho pensato di raccontarti come prendono vita gli algoritmi di Stats4Bets e cosa si studia per ottenere dei pronostici per scommettere in modo affidabile.

Lo stop forzato dei campionati a causa del coronavirus mi ha dato infatti la possibilità di dedicarmi a riflessioni su alcuni aspetti che, finora, non avevo avuto modo di analizzare.

La ripresa della Serie A e di tutti gli altri campionati è dietro l’angolo, voglio farmi trovare pronto con una nuova serie di algoritmi e di pronostici per scommettere.

Ho dunque pensato di portarti “dietro le quinte” del mio SuperFoglio.

Alcuni concetti sono in grado di metterli nero su bianco, altri faccio invece fatica a spiegarli perché li ho chiari nella testa ma si incasinano quando li esprimo a parole.

D’altronde se mi leggi da un po’ lo sai anche tu: sono un nerd del betting. Adoro perdermi tra i numeri 😀

Bene, bando alle chiacchiere, iniziamo.

Come nasce un algoritmo? Come fare per vincere le scommesse sul calcio?

L’elemento chiave sono i dati, è ovvio.

Più sono i dati che abbiamo a disposizione, più sono gli incastri che riusciamo a far fare a questi dati, e maggiori sono dunque le combinazioni e le opzioni che otteniamo.

La finalità di ogni algoritmo è individuare le combinazioni (o le opzioni) che hanno maggiore stabilità.

Ossia, quelle in cui si presentano meno errori.

Grazie al database del nuovo SuperFoglio il punto di partenza della mia analisi sono state le 7330 partite disputate finora nella stagione 2019-2020.

Il mio obiettivo è creare un mostro che, con il passare dei mesi e degli anni, inglobi sempre più dati e fornisca pronostici per scommettere sempre più precisi.

L’ho detto tante volte, lo ribadisco anche ora: non arriveremo mai a pronostici che abbiano il 100% di affidabilità, questo non significa che non possiamo provarci però 🙂

Ma andiamo per gradi.

In questa fase preliminare mi sono dedicato allo studio di quattro varianti, mettendo in relazione i dati di:

  • Quota Reale Allibrata / Quota Attuale (che governa l’attuale algoritmo del SuperFoglio);
  • Quota Reale Allibrata / Quota Iniziale (o Quota Vergine);
  • Quota Iniziale (Vergine) / Quota Attuale;
  • la sola Quota Iniziale (Vergine).

Di ogni variante ho selezionato quelli che ritengo essere i tre esiti basici per la creazione di un algoritmo di betting:

  • 1-X-2
  • Under-Over 2.5
  • Gol-NoGol

Studiando questi esiti, si può generare un algoritmo su molti altri (multigol, primo tempo, ecc)

L’ultimo studio, quello della sola Quota Vergine, è stato il primo che ho abbandonato: non tiene conto delle variazioni del mercato, ed è una pecca grave, anche stando ai numeri.

Confrontando infatti i dati tra la variante solo Quota Vergine rispetto a quella Quota Inziale / Quota Vergine si riscontrano fino al 30% di errori in più nello studio della sola Quota Vergine.

Il motivo è semplice: se non valuti eventuali rialzi o abbassamenti di quota, rinunci a troppe informazioni importanti.

Quindi, studiare la sola Quota Vergine è pericoloso.

Il margine di errore si alza troppo (ne avevo già parlato anche in questo articolo).

Va utilizzata, assolutamente si, ma per essere messa in relazione prima alla Quota Reale Allibrata (per capire se il bookmaker da una quotazione statistica o meno della partita) e poi alla Quota Attuale (per capire se è in calo o rialzo, e di quanto).

Un algoritmo per le amichevoli e per le coppe.

Ho sempre detto con forza che non scommetto mai sulle amichevoli e pochissimo sulle coppe.

I motivi sono due, molto semplici:

  • non abbiamo range statistici da usare come riferimento;
  • non possiamo trovare la Quota Reale Allibrata.

Questa quarantena da coronavirus, però, mi ha messo davanti ad un’opportunità: avere davvero tanto tempo libero per pormi domande su cosa fare per migliorare ulteriormente il SuperFoglio.

E se studiassi la relazione tra Quota Iniziale e Quota Attuale (senza quella Reale Allibrata che si genera con le partite già giocate), potrei trovare un algoritmo anche per le coppe e per le amichevoli?

La risposta è si.

Analizzando le 7330 partite fin qui disputate, anche togliendo l’aspetto statistico generato dal campo, si può creare un algoritmo che ragioni solo sulle quote.

In particolar modo sulla relazione tra Quota Iniziale e Quota Attuale.

Al momento risulta un po’ meno preciso di quello che ingloba anche le statistiche, e penso che sia normale.

Probabilmente sarà sempre un po’ meno affidabile.

Ma è comunque in grado di fornire una probabilità che si verifichi (o non che non si verifichi) un determinato risultato, impossibile da valutare senza una valutazione di questo tipo.

Il lavoro già fatto è molto, quello da fare probabilmente è ancora di più, ma ne sono entusiasta.

Ho approfondito un po’ la questione in questo video, dove ti svelo anche i primi – sorprendenti – risultati che mi sono trovato davanti agli occhi.

Un abbraccio

Alessandro Stats4Bets

PS: ti è piaciuto questo articolo e vuoi sostenere il mio progetto di divulgazione sul betting? In maniera davvero inaspettata alcuni lettori del blog hanno iniziato a farmi delle piccole donazioni libere tramite Paypal. Offrimi anche tu un caffè cliccando qui.


Stats4Bets in nessun modo vuole promuovere il gioco d’azzardo. Se sei minorenne, ti ricordo che scommettere per te è illegale. Se pensi di giocare a scopo di lucro, non sei nel posto adatto: io do suggerimenti per studiare le partite per divertimento e/o con piccoli budget. Giocare può causare dipendenza, se senti di essere troppo coinvolto o a rischio, ti consiglio di rivolgerti ad un centro specializzato.

 

Un commento su “Vincere scommesse sul calcio: come nasce un algoritmo?”

Lascia un commento

Ciao! Qui è Ale che scrive :)

Ci sono 2 annunci shock sul SuperFoglio e sul gruppo privato Telegram che faranno venire giù lo stadio come un gol in rovesciata :)