Real Value: le quote di valore rispetto alla Quota Reale Allibrata. (Le “vere” Value Bet).

Quote di Valore: uno di quei concetti di betting che, sopratutto sul web, diventano spesso leggende.

In passato ho già scritto un articolo dedicato alle Value Bet, in cui esprimo le mie perplessità sulla concezione che molti appassionati di scommesse hanno riguardo le “quote di valore“.

Oggi però è il mio compleanno, e mi piacerebbe poter essere io a farti un regalo (spero gradito).

Ho così pensato di approfondire la visione di un aspetto che, quando scrissi il primo articolo sulle Value Bet, avevo solo accennato.

Magari quel che sto per dire potrebbe non piacerti, oppure invece potresti trovarlo sensato e tornarti utile nelle tue giocate.

In entrambi i casi si tratta, semplicemente, della mia esperienza: non sono un guru, non sono un professore, non pretendo di insegnare nulla a nessuno.

Racconto, in totale franchezza, ciò che testo e studio in prima persona.

Real Value: “vere” quote di valore (rispetto alla QRA).

E’ da un po’ che cerco di dare un senso a questa definizione: “quote di valore“.

Per come la vedo io, gli appassionati di Value Bet la fanno troppo semplice: quanti errori potranno mai commettere i bookmakers nello stilare le quote?

L’ho già spiegato: secondo me, pochi.

Ogni errore equivarrebbe infatti a centinaia di migliaia di euro da pagare agli scommettitori vincenti: mi è difficile credere che ne commettano di continuo; fallirebbe un book al giorno.

Questo però non significa che non si possa trovare del “valore” nelle quote che ci vengono proposte.

Partendo da questa convinzione ha iniziato a frullarmi in testa un concetto che ho, banalmente, definito “Real Value“: valore reale.

Con il termine “Real Value” non intendo solo “scommessa con valore realmente esistente“, ma anche e soprattutto “scommessa il cui valore è basato sulla quota REALE allibrata“.

Ci ho messo un po’ per venirne a capo, e non è neanche facilissimo replicare il processo mentale con cui sono arrivato a questa conclusione, ma il cuore del concetto per me è questo:

in una scommessa ci può essere del valore (inteso come miglior pagamento in caso di vincita) solo quando la quota offerta dal bookmaker ha un piccolo rialzo statistico rispetto alla Quota Reale Allibrata, che è il valore più vicino alla matematica del campo.

Arrivati a questo punto facciamo uno stop e focalizziamo il piccolo rialzo statistico.

Se è la prima volta che ti trovi ad affrontare l’argomento delle partite statistiche e non statistiche (ideato dall’esperto Fazio) ti consiglio, prima di proseguire, di leggere l’articolo che ho scritto a riguardo.

Il concetto di Fazio è infatti troppo importante per essere ignorato.

Se invece sei al passo giusto, proseguiamo.

Le partite statistiche sappiamo essere quelle in cui c’è una differenza del 15-16% tra quota reale e quota del bookmaker.

Io, nel SuperFoglio, ho introdotto un nuovo parametro che considero più avanzato rispetto alla semplice quota reale: la Quota Reale Allibrata (QRA).

Ossia la quota reale a cui applico lo stesso allibramento che il bookmaker spalma sulla quota che ci offre (se hai bisogno di un ripasso sull’allibramento, lo trovi qui).

A questo punto possiamo dedicarci alla ricerca del valore.

Una partita di Serie B in Polonia disputata lo scorso 14 Novembre 2020 può essere un buon esempio.

Quote di valore: il giusto compromesso è tra 0 e 9%.

Per facilitarmi nella spiegazione userò delle frecce colorate.

Iniziamo col dire che la squadra in trasferta ha una probabilità statistica di vittoria davvero novetole (73%, freccia viola).

A questo ne consegue una Quota Reale Allibrata non di certo altissima: 1,25 (prima freccia verde).

A circa mezz’ora dall’inizio del match il bookmaker ci offre il segno 2 a quota 1,33 (seconda freccia verde).

Il rialzo della quota attuale rispetto alla QRA è del 6% (freccia blu).

Questa quota è una Real Value: un esito con un’alta probabilità di vincita e una quota del attuale che rialza non oltre il 9% sulla QRA.

Le ultime due frecce che ci restano da analizzare sono quella arancione e quella rossa.

Quella arancione è la quota vergine.

La considero importante per analizzare il comportamento della quota attuale: se c’è un rialzo troppo significativo rispetto alla quota iniziale, il match diventa pericoloso.

Un ottimo esempio in tal senso lo abbiamo avuto nel match Juve Stabia – Palermo, in cui la quota dell’1 è passata da 1,40 (iniziale) a 1,91 (attuale): decisamente troppo per fidarsi (finita infatti 1-2).

In ultimo c’è la freccia rossa.

Il comparatore quote inserito nel prossimo aggiornamento del SuperFoglio analizza dieci dei principali bookmakers attivi in Italia.

In questo modo, anche con una quota abbastanza bassa come quella dell’esito 2 in Polonia, avremo modo di individuare rapidamente il bookmaker che la paga meglio e ottenere un ulteriore piccolo valore.

Inoltre, il nuovo campo di ricerca Real V inserito nel menù Odds Secrets, ci aiuterà a trovare in automatico tutte le Real Value presenti nei 155 campionati del SuperFoglio.

Credo sia una funzione utile, perché non mi aspetto di avere decine di partite di valore ogni giorno.

Quindi farle trovare a lui ci permetterà di ridurre drasticamente i tempi di studio.

Bene, ci avvicianiamo alla fine dell’articolo.

Abbiamo analizzato in lungo e largo la partita della Division 1 Polacca, ma come è finita?

 

2 e Under 3.5 come suggeriva l’analisi del SuperFoglio.

Giocando 2 avremmo avuto del valore reale sull’esito scelto.

Prima di salutarti, ultima considerazione sulle Real Value.

Nel caso di questo match la quota era piuttosto bassa (1,33).

Personalmente non credo che troveremo esiti con reali probabilità di vincita a quote troppo più alte: 1,85 – 1,90 credo sia il massimo, dubito oltre.

D’altronde non avrebbe senso giocare una quota a 2,50 se poi è perdente.

Questo avviene perché se la QRA è troppo alta, significa che la “matematica del campo” non è molto favorevole a quell’esito.

Quindi, per la mia esperienza, un esito di valore con reali possibilità di vincita difficilmente supererà quota 1,90.

Adesso si.

Penso di averti detto tutto davvero tutto su questo argomento.

Come sempre spero che possa esserti utile per le tue giocate!

Un abbraccio

Alessandro Stats4Bets

PS: se ancora non l’hai fatto, scarica la guida gratuita BETTING FACILE.

PPS: ti è piaciuto questo articolo e vuoi sostenere il mio progetto di divulgazione sul betting? In maniera davvero inaspettata alcuni lettori del blog hanno iniziato a farmi delle piccole donazioni libere tramite Paypal. Offrimi anche tu un caffè cliccando qui.


Stats4Bets in nessun modo vuole promuovere il gioco d’azzardo. Se sei minorenne, ti ricordo che scommettere per te è illegale. Se pensi di giocare a scopo di lucro, non sei nel posto adatto: io do suggerimenti per studiare le partite per divertimento e/o con piccoli budget. Giocare può causare dipendenza, se senti di essere troppo coinvolto o a rischio, ti consiglio di rivolgerti ad un centro specializzato.

 

Un commento su “Real Value: le quote di valore rispetto alla Quota Reale Allibrata. (Le “vere” Value Bet).”

Lascia un commento