Come coprire una scommessa singola: quando e come farlo.

Oggi voglio parlarti delle singole e, in particolar modo, di come e quando coprire una scommessa singola.

Personalmente ritengo che non sempre abbia senso farlo, se non per generare piccoli attivi o pareggiare.

Chiariamoci: anche un solo euro è meglio vincerlo che perderlo.

Perciò non sto dicendo che sia sbagliato coprirsi per salvare 5 euro.

Però quante volte lo facciamo?

Io, quasi mai.

Tra l’altro gioco tantissimo in singola (è la proposta che faccio più spesso in assoluto ai ragazzi del mio gruppo Vip nel SuperFoglio) quindi parlo con cognizione di causa.

Raramente vai a coprirti su puntate basse.

In altre occassioni invece si, ha più che senso.

Vediamole.

Coprire una scommessa singola: quando farlo.

Partiamo con il quando.

La copertura di una scommessa singola avviene solo in live.

Nel senso che se gioco in singola l’esito 1 pre-match, non è che poi lo copro X2 sempre pre-match.

Che senso avrebbe?

Nessuno.

Altro fattore da considerare, secondo me, è l’importo che ho scommesso.

Prima però va fatta una premessa.

Io, in singola, gioco solamente quote comprese tra il 1,50 e 1,80.

Coprire una scommessa Singola

 

Equivale a dire che potrei trovarmi, mediamente, davanti a quote di questo genere:

  • 1 = 1,65
  • X = 3,75
  • 2 = 4,75

Perciò la X2 starebbe intorno a quota 1,90 – 2.

Ecco perché è importante valutare l’importo che ho scommesso.

Se ho scommesso 10 euro sull’1 per vincerne 16,50 € non ha molto senso coprirsi a quota 2.

Se invece ho scommesso 500€ sull’1 (ne vincerei 825€) allora, alle brutte, una strategia di copertura live anche solo per andare in pari andrebbe cercata.

Coprire una scommessa singola: come farlo.

Altra piccola premessa.

Giocare in singola significa giocare in SIN – GO – LA!

Ci tengo a specificarlo perché mi è capitato che mi sia stato chiesto un consiglio per coprire una “singola” e poi l’esito scommesso era 1 + gol + over 2.5.

Quella non è una singola.

E’ una scommessa su una partita, ma sono 3 esiti.

E diventa impossibile o quasi coprirla.

Un solo esito, quello significa “giocare in singola“.

Ed ovviamente è anche più facile studiare una copertura.

coprire una scommessa singola

Detto questo, vediamo il come coprire una scommessa singola.

Nella foto di poco sopra, con l’AZ vincente per 5-0 probabilmente non avremmo fatto in tempo neanche ad entrare live.

Troppo divario tra le due squadre.

Analizziamo però l’1 dei Slingo Rovers immaginando un partita più combattuta.

Abbiamo un paio di possibilità:

  • se i Rovers vanno in vantaggio, negli ultimi 15-20 minuti, possiamo pensare di coprire live con la X che troveremo ad una buona quota. Sarebbe una copertura parziale perché non copriamo il 2, ma è sempre poco probabile che in 15 minuti si passi dall’1 al 2. In ogni caso dobbiamo essere consapevoli del rischio, quindi se non vogliamo correrne dobbiamo chiudere con X2.
  • se i Rovers non la sbloccano e se vediamo che gli avversari tengono bene il campo, la X2 va coperta non oltre il 50-55° minuto, altrimenti la X2 non la pagano neanche quota 2 e non conviene.

Di sicuro, se possibile, è sempre meglio seguire il match in tv o streaming.

Almeno ci rendiamo conto di come stanno giocando.

Ci sono volte in cui il “gol è nell’aria” e allora vale la pena aspettare e rischiare un po’.

Altre volte in cui si capisce che non è giornata e in quel caso anche uscirne con un pareggio (di soldi) non è male.

Coprire una scommessa singola: quando mettere nella copertura?

Raramente ci arrichiremo con la copertura di una singola: ci sono altre giocate, come le multiple, più adatte a questo.

Le coperture in singola sono quasi sempre a tutela del nostro investimento, o al massimo per andare in pareggio.

In ogni caso il calcolo è molto semplice.

Devo contare quanto gioco sul primo esito + quanto gioco sulla copertura.

Sia se entra il primo esito, sia se entra la copertura, devo vincere di più di quanto ho speso per farla.

O al massimo andare in pari.

Esempio.

Se gioco 10€ a quota 1,65 significa che ho 6,50€ di margine per gestire la mia copertura.

Se la X2 fosse a quota 2 non mi converrebbe coprire fino a quando non arriva intorno a quota 3.

Puntando 5€ sulla quota 3 vincerei 15, recuperando il 10+5 scommesso.

Se invece alla fine entra l’1 vincerei 16,50 guadagnando 1,65 rispetto a quanto scommesso.

Come vedi quindi per le coperture in singola i margini sono molto bassi: si usa solo per andare in pari, o magari perdere poco.

Ritengo sia utile solo se ho scommesso importi seri.

Se ti interessano altre tipologie di coperture, qui trovi un articolo che le riassume.

Spero l’articolo ti sia utile.

Un abbraccio

Alessandro Stats4Bets

PS: se ancora non l’hai fatto, scarica la guida gratuita BETTING FACILE.

PPS: ti è piaciuto questo articolo e vuoi sostenere il mio progetto di divulgazione sul betting? In maniera davvero inaspettata alcuni lettori del blog hanno iniziato a farmi delle piccole donazioni libere tramite Paypal. Offrimi anche tu un caffè cliccando qui.


Stats4Bets in nessun modo vuole promuovere il gioco d’azzardo. Se sei minorenne, ti ricordo che scommettere per te è illegale. Se pensi di giocare a scopo di lucro, non sei nel posto adatto: io do suggerimenti per studiare le partite per divertimento e/o con piccoli budget. Giocare può causare dipendenza, se senti di essere troppo coinvolto o a rischio, ti consiglio di rivolgerti ad un centro specializzato.

 

2 commenti su “Come coprire una scommessa singola: quando e come farlo.”

Lascia un commento